Home > Serie A > La Roma rischia tutto mettendosi nelle mani dell’ ex Special One Mourinho e del predatore Mendes

La Roma rischia tutto mettendosi nelle mani dell’ ex Special One Mourinho e del predatore Mendes

mourinho roma fonseca

Sembrava tutto definito in casa Roma: Fonseca sarebbe dovuto rimanere fino al termine della stagione e Sarri avrebbe preso il suo posto a partire dalla prossima. Il tecnico toscano, tuttavia, ha temporeggiato rinviando la firma sul contratto per poter riscuotere la penale dalla Juve e per verificare le ipotesi di Tottenham e United. La proprietà Friedkin, invece, non ha voluto aspettare ed ha ingaggiato Josè Mourinho.

La società capitolina lo annuncia nel comunicato appena apparso sul sito e sui social:“Siamo lieti ed emozionati di dare il benvenuto a José Mourinho nella famiglia dell’AS Roma. José è un fuoriclasse che ha vinto trofei a ogni livello e garantirà una leadership e un’esperienza straordinarie per il nostro ambizioso progetto. L’ingaggio di José rappresenta un grande passo in avanti nella costruzione di una mentalità vincente, solida e duratura, nel nostro Club”.

Prosegue con le parole del tecnico:“Ringrazio la famiglia Friedkin per avermi scelto a guidare questo grande Club e per avermi reso parte della loro visione. Dopo essermi confrontato con la proprietà e con Tiago Pinto ho capito immediatamente quanto sia alta l’ambizione di questa Società. Questa aspirazione e questa spinta sono le stesse che mi motivano da sempre e insieme vogliamo costruire un percorso vincente negli anni a venire. L’incredibile passione dei tifosi della Roma mi ha convinto ad accettare l’incarico e non vedo l’ora di iniziare la prossima stagione. Allo stesso tempo, auguro a Paulo Fonseca le migliori fortune e chiedo ai media di comprendere che rilascerò dichiarazioni solo a tempo debito. Daje Roma!”.

Con l’arrivo del tecnico portoghese la Roma prova a lanciare così un nuovo forte segnale di ripartenza per provare a raddrizzare una situazione precipitata. Ma prendere Mourinho, lo diciamo subito, rappresenta un rischio pesante. Josè attualmente e sulla base degli ultimi risultati ottenuti rappresenta più l’icona del suo passato che un allenatore vincente in attività. Se, dopo aver lavorato in Premier e nella Liga con il Real, non avrà perso l’abitudine di acquistare giocatori a peso d’oro, la Roma rischia grosso. Intanto, almeno sul piano mediatico, con l’annuncio di oggi, ha fatto centro.

1 Response

  1. Pingback : Roma-Mourinho: ecco perché era più logico scegliere Sarri

Leave a Reply