Home > Ultime notizie > Da Superlega a Supercazzola: la lunga notte che ha spazzato via il Progetto dei super ricchi

Da Superlega a Supercazzola: la lunga notte che ha spazzato via il Progetto dei super ricchi

superlega uscita club inglesi

Da Superlega a supercazzola: con l’uscita dei club inglesi ora tutto torna in discussione

Il comunicato che quelli della Superlega sono stati costretti a fare in piena notte mette una pietra tombale sul progetto originale della Superlega che è durato poco meno di 48 ore. Una figuraccia internazionale della quale i dirigenti dei club che si erano impegnati dovranno rispondere al mondo intero.

Intanto, dimettendosi dalle loro cariche. Il comunicato è un passo indietro clamoroso di fronte all’evidenza di aver perso tutti i club inglesi; per primo si era sfilato il Manchester City, stimolato anche dalla dura presa di posizione di Pep Guardiola. “La Superlega è convinta che l’attuale status quo del calcio europeo debba cambiare…il sistema esistente non funziona. Ma alla luce delle circostanze attuali valuteremo i passi più opportuni per rimodellare il progetto, avendo sempre in mente i nostri obbiettivi di offrire ai tifosi la migliore esperienza possibile, migliorando i contributi di solidarietà per l’intera comunità calcistica”.

Insomma, una supercazzola per salvare la faccia e il salvabile; certamente adesso l’Uefa, che ne esce vincitrice dalla storia, qualcosa dovrà trattare sul piano dei contributi economici e della distribuzione delle risorse. E’ chiaro che la fuoriuscita dei cinque club inglesi (su 12 club fondatori) sia stata determinante per far abortire la Superlega. Le ragioni? Sicuramente la pressione del Governo inglese e di Boris Johnson in persona è stata determinante. E poi anche quella dei tifosi, a partire da quelli del Chelsea che ieri pomeriggio hanno fermato la squadra per protesta davanti a Stamford Bridge.

Ancora una volta, gli inglesi hanno dimostrato di avere identità, coraggio e rapidità nelle decisioni.
Intanto nel pomeriggio si era capito che dall’altra parte dell’oceano, cominciavano a vacillare anche gli spangoli, eccetto ovviamente il Real di Florentino Perez, il padre fondatore della Superlega. Il Barcellona dava mandato ai suoi soci di esprimersi sulla vicenda, l’Atletico Madrid aveva dubbi pesanti. Tornando in Inghilterra, il vice presidente dello United Ed Woodward intanto annunciava le sue dimissioni. Mentre il patron del Liverppol si scusava con tutti i tifosi. E le italiane? Come sempre in retrovia, un po’ pavide e un po’ opportuniste. Ma intorno all’1,30 di notte ecco che si sveglie e prende coraggio l’Inter che dichiara di essere più interessata al Progetto. Così, da Superlega a Super Ridicolo, il passo è stato breve.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

12 Responses

  1. Paolo

    Buongiorno Paolo, ma che tutto sto casino non sia stato montato ad arte per farsi riconoscere soldi in più dall’UEFA? Io che le società pensino al bene dei tifosi ed agli amanti del calcio credo poco… E comunque la superLega ha messo in ombra la presentazione della nuova champions che , parere personale, mi sembra ancora più una cagata pazzesca della superLega

  2. Pingback : La presunta indagine UEFA e le voci di dimissioni di Marotta: caos Inter

  3. Werner

    Bisogna riformare la Champions League e l’Europa League. Ridurre il numero delle squadre partecipanti per ogni campionato delle federazioni associate all’UEFA. Ci vuole più qualità e meno quantità, anche in modo che la “torta” di soldi che viene divisa sia più sostanziosa per i club partecipanti.

    Nella CL bisogna in primo luogo stabilire l’accesso alla fase a gironi per le 9 squadre vincitrici dei campionati nazionali con 18/20 squadre e alla squadra campione d’Europa in carica. Le seconde dei predetti campionati ammesse all’ultima fase del turno preliminare. Le vincitrici degli altri campionati nazionali minori UEFA ai preliminari.

    È ora di smetterla con questa storia che a quella che fu la Coppa dei Campioni debbano partecipare anche le terze e le quarte classificate, che è giusto invece vadano in Europa League assieme alla vincitrice della Coppa Nazionale.

  4. Pingback : Caso Suarez, l'ennesima caduta di stile della Juve: l'avvocato del club [...]

  5. Pingback : Turbolenze Milan: la classifica i rinnovi e Maldini escluso dal Progetto Superlega agitano il futuro - Paolo Bargiggia

  6. Pingback : La Lega deve tornare compatta: Marotta e Scaroni [...]

  7. Pingback : Sentenza sul caso tamponi: 12 mesi di inibizione a Lotito, la Lazio [...]

  8. Pingback : Il posto Champions passa da Juve-Milan: Dunnarumma, gli ultras [...]

  9. Pingback : Ezio Vendrame: il ricordo del genio idealista e ribelle

  10. Pingback : Manchester Utd-Liverpool: la protesta dei tifosi inglesi contro Superlega [...]

  11. Pingback : Consiglio di Lega del 16 febbraio e Superlega: quel che "Il Sole 24 Ore" [...]

  12. Pingback : Superlega: l 'UEFA a muso duro contro Juve e Milan - Paolo Bargiggia

commenta